Potenziali risparmi: con le impostazioni corrette

È importante avere le impostazioni corrette

Avete una casa con un’elevata efficienza energetica? E ne conoscete il pieno potenziale? Quello che molti non sanno: sono diverse le possibilità di impostazione riguardo l’impiantistica e gli apparecchi. Se impostati correttamente sulle esigenze degli utenti, portano a un consumo ancora più basso, a un maggiore comfort e assicurano una lunga durata sia della casa che della tecnica. Impostazioni errate o una mancata manutenzione possono, nel peggiore dei casi, causare danni o p.es. favorire la formazione di muffa.

Gli errori più comuni

Anche nel caso che gli impianti di un edificio vengano messi in esercizio correttamente dopo la fase di costruzione e tutto funzioni senza intoppi: dopo uno o due periodi di riscaldamento può essere ottimizzato ancora molto da parte del proprietario e dagli utenti, risp. è possibile adattare meglio le impostazioni alle proprie esigenze.

Minergie offre da inizio 2017 il Sistema di Qualità Minergie esercizio (SQM esercizio). In questo caso esperti qualificati verificano se negli edifici Minergie esistenti tutto è impostato correttamente. Spesso ci si scontra con errori ricorrenti e frequenti possibilità di ottimizzazione: in particolare il riscaldamento, la ventilazione e la protezione solare delle finestre possono essere migliorati in termini di comfort e consumi.

Le raccomandazioni più comuni sono:

  • Temperature interne troppo elevate: Gli esperti Minergie rilevano in inverno nella maggior parte dei casi temperature di circa 23 gradi. Già un grado in meno fa la differenza. Secondo l'UFE, i costi di riscaldamento scendono del 6% per ogni grado. La temperatura ambiente consigliata per i locali e gli spazi abitativi è di 20 gradi. Certo, nessuno deve avere freddo. Ma chi desidera maggiore calore, dovrebbe chiedersi se è veramente necessario avere una temperatura più elevata in tutti i locali. Nelle camere da letto e nei locali poco frequentati, il riscaldamento può essere impostato a una temperatura più bassa (circa da 15 a 17 gradi). È utile considerare anche l’utilizzo di ciascun locale, per poi regolare gli orari di esercizio degli impianti. Un altro fattore è l'occupazione: i locali dove vi sono più persone vengono riscaldati anche dal calore corporeo. Qui il riscaldamento può essere impostato a una temperatura leggermente inferiore.
  • Adattare la ventilazione alle esigenze degli utenti: La quantità di aria e anche i tempi di funzionamento dovrebbero essere adattati alle esigenze individuali degli utenti ed essere regolati in modo ottimale. È consigliabile ad esempio impostare la ventilazione a un livello inferiore in inverno, alfine di prevenire l'aria secca. Inoltre una regolare sostituzione dei filtri, circa due volte all'anno, garantisce un funzionamento impeccabile. A intervalli più lunghi si raccomanda inoltre una manutenzione da parte di uno specialista.
  • Consumo di acqua: Una misura di risparmio semplice ma efficace sono ad es. i regolatori di flusso su rubinetti, sciacquoni per WC o soffioni per le docce.
  • Protezione termica estiva: Per garantire che in estate (ma anche in primavera e in autunno) i locali non si surriscaldino, gli utenti dovrebbero oscurare regolarmente le proprie finestre. Ciò significa abbassare la protezione solare già il mattino, se non si è presenti in casa durante il giorno. Di notte, se possibile, aprire le finestre per raffrescare e supportare l’impianto di ventilazione.
  • Documentazione degli impianti: può sembrare superfluo, ma i documenti dell'impianto conservati in maniera ottimale sono una base importante per un corretto esercizio. Oltre alle istruzioni per l’uso, dovrebbero essere documentati anche i valori di consegna e quelli impostati, per l'estate, l'inverno o per i periodi di vacanza. Perché se nessuno è in casa, è possibile ridurre sia il riscaldamento che la ventilazione.


Potenziale di risparmio e maggiore comfort

Circa il 10-15% del consumo energetico può essere risparmiato tramite un’ottimizzazione dell’esercizio. Tuttavia, ciò può variare notevolmente a dipendenza del consumo totale e del tipo di edificio. I fattori di ottimizzazione più grandi sono il consumo termico e la ventilazione. Il consumo elettrico dipende principalmente dal comportamento degli utenti, a cui dovrebbero essere forniti suggerimenti appropriati.

Un argomento importante per l’ottimizzazione dell’esercizio è anche l'aumento del comfort. Quanto più la temperatura e la quantità dell'aria sono impostate sulle esigenze dell’utente, tanto più sarà confortevole vivere all’interno dei locali.

 

Performance gap e cosa si può fare a riguardo

Ogni edificio nella fase di esercizio sviluppa le proprie peculiarità a livello operativo. Impianti tecnici impostati in maniera non ottimale o istruzioni all'utente insufficienti sono una delle ragioni nel caso di uno scarto di prestazioni, così come differenze dai valori normativi dovute al luogo, all’uso, all’occupazione e comportamento negli spazi. Questi aspetti possono far si che singoli valori standard risultino superiori o inferiori.  Questo crea un cosiddetto “performance gap”, ovvero una deviazione dai valori previsti a livello progettuale. (Maggiori informazioni a riguardo nelle nostre FAQ: Minergie e il Performance Gap.)

Alfine di contrastare questo fenomeno, Minergie ha introdotto il SQM esercizio. L'obiettivo di questo prodotto è garantire e migliorare il comfort e l'efficienza energetica durante la fase di esercizio dell'edificio Minergie. Una consulenza personale e indipendente sul posto garantisce che gli impianti tecnici siano impostati risp. mantenuti in modo ottimale e che gli utenti siano istruiti correttamente.

 

Che influenza hanno gli abitanti stessi?

Gli utenti di un edificio hanno una grande influenza. Sebbene per gli impianti tecnici si debbano appoggiare sostanzialmente al professionista, in particolare per il consumo elettrico e la protezione termica estiva possono intervenire attivamente per una maggiore efficienza energetica e comfort.

Coloro inoltre che hanno la possibilità di accedere a ulteriori impostazioni degli impianti tecnici, dovrebbero richiedere attivamente informazioni al proprietario o all'amministrazione e – se non ancora provveduto – un’istruzione dettagliata, anche per es. per quanto riguarda gli intervalli di manutenzione.

<?php echo $altTxt; ?>

Campagna gelati „RESTA COOL“

<?php echo $altTxt; ?>

Protezione termica estiva... dall'interno

Per il suo 20° giubileo, Minergie ha lanciato la campagna "RESTA COOL" in cinque città e ha richiamato l'attenzione sul tema della protezione termica estiva. Durante la campagna due collaboratori hanno distribuito due varietà di gelato (fragola e mango) ai passanti con l’ausilio di due bici cargo.

L'attenzione si è concentrata anche sul pensiero ecologico, dato che i gelati sono stati prodotti in Svizzera, contengono ingredienti naturali al 100% e un contenuto di frutta del 60%. Anche durante la fase di distribuzione l'attenzione è rivolta all'ambiente: i gelati sono infatti stati distribuiti con le e-bike di carvelo2go dai collaboratori, che indossavano indumenti con tessuti provenienti da produzioni di cotone sostenibili. Nelle città di Basilea, Zurigo, Berna, Friburgo e Bellinzona, dal 26 al 30 giugno 2018, sono venute a rinfrescarsi quasi 5’000 persone.

  


Ecco alcuni scatti delle varie giornate: 

Martedì: Friburgo
Inizio della campagna il 26 giugno con circa 29,5° gradi nella Svizzera occidentale. Il tempo perfetto per rinfrescarsi al gusto di frutta.

<?php echo $altTxt; ?>

Mercoledì: Berna
Nel centro di Berna il 27 giugno 2018, ecco un fresco sollievo durante il pomeriggio soleggiato.

<?php echo $altTxt; ?>

Giovedì: Bellinzona
Si va avanti il 28 giugno 2018 con i 27° gradi del Ticino, fortunatamente di nuovo muniti di ombrelloni!

Link: Facebook

<?php echo $altTxt; ?>

Venerdì: Zurigo
La popolazione di Zurigo è stata sorpresa con ghiaccioli di frutta il 29 giugno 2018. Sono piaciute molto entrambe le varietà!

<?php echo $altTxt; ?>

Sabato: Basilea
Il 30 giugno 2018 c’erano 30 gradi già alle 11:30. Tutta la popolazione di Basilea era entusiasta al pensiero di rinfrescarsi con un buon gelato alla frutta!

<?php echo $altTxt; ?>

Quando il sole estivo inizia a scaldare, la protezione termica estiva è sulla bocca di tutti. Gli standard di costruzione Minergie tengono conto - oltre che del comfort invernale – anche di quello estivo.

Ulteriori informazioni sulla protezione termica estiva: Website

 

Rumore e caldo? Nessun problema!

Rumore e caldo? Nessun problema! Uno sguardo dietro la facciat

Fabienne è seduta nella Place de l'Île e brinda al fine settimana con i suoi colleghi. "Com’è il tuo nuovo appartamento?" Fabienne risponde: "Oh, bellissimo. In un vecchio edificio ristrutturato, nel sottotetto. La mansarda lo rende molto speciale. E non si scalda nemmeno troppo. La temperatura è davvero piacevole. Non ho idea del perché sia così. In ogni caso, non andrò via così velocemente da lì!”

Il nuovo attico di Fabienne si trova nel centro di Ginevra, in direzione aeroporto. Prima del suo trasferimento, il proprietario ha fatto isolare il tetto e la facciata della casa di 50 anni. Con alcune ulteriori misure, è stato in grado di ottenere una certificazione Minergie. Il vantaggio: l'isolamento di alta qualità non solo garantisce interni caldi in inverno, al contrario in estate, mantiene il calore all'esterno, stessa cosa con il rumore.

Isolare bene per restare “cool”

La maggior parte della superficie di un edificio è costituita da facciate. Da qui l'edificio si riscalda di più durante l'estate e perde gran parte dell'energia termica in inverno. Chi vive in un sottotetto ha una superficie esterna aggiuntiva. Di conseguenza, ha senso effettuare un isolamento. Ciò consente di risparmiare fino al 30% del consumo energetico rispetto a una facciata non isolata. Un tetto con isolamento può far risparmiare fino al 20%. "Se possibile, si dovrebbero inserire delle finestre nuove durante la ristrutturazione", consiglia Franz Kainz, responsabile vendite di Flumroc. "Perché le vecchie finestre sono un punto debole nell'involucro dell'edificio e rendono meno efficace anche il migliore l'isolamento."   

Protezione acustica per la casa

L'isolamento non porta solo a piacevoli temperature interne, ma protegge anche contro i rumori esterni – tale protezione sta diventando sempre più importante. Secondo l'Ufficio federale dell'ambiente, 1,3 milioni di persone in questo Paese, sono già colpite da eccessivo rumore del traffico. Questo può avere un impatto negativo sulla salute. Soprattutto sulle strade il livello di rumore arriva a 70 decibel. Un muro non isolato lascia passare ancora 30 decibel – se il muro è isolato con EPS, anche 32. La lana di roccia, ad esempio, offre un grado più elevato di protezione acustica: passano all’interno solamente 20 decibel. Soprattutto in città o paesi con elevate emissioni acustiche, la scelta del giusto isolamento può aumentare il comfort abitativo e lavorativo. È molto efficace per gli edifici Minergie, in cui non si deve per forza aprire la finestra per ventilare – ma si può! 

<?php echo $altTxt; ?>

La scelta del materiale giusto  

Chi costruisce uno nuovo edificio o lo rinnova può scegliere tra diversi materiali e tecniche per l'isolamento. A questo si aggiunge la domanda: quali parti dell'edificio dovrebbero essere isolate? "Un ottimo aiuto è lo strumento eValo-Tool. Grazie al quale, si possono scoprire quali misure correttive sono più utili per il proprio edificio e stabilire un budget”, consiglia Franz Kainz. 

Ciò che è importante è quello che sta dietro alla facciata - e in questo caso, non è solo un modo di dire. Perché, anche se Fabienne non vede che e come sono isolati muri e tetto, ne sente comunque la differenza.

Per eventuali domande sul giusto isolamento, i consulenti della Flumroc saranno felici di aiutarvi.