Flessibili e sani – Minergie negli ospedali

<?php echo $altTxt; ?>

Gli ospedali sono strutture complesse. Il benessere dei pazienti e i processi ottimali sono la priorità assoluta. In tutto ciò i requisiti Minergie hanno un ruolo? Sì, a dimostrarlo sono gli esempi prestigiosi come il nuovo immobile destinato ai degenti dell'ospedale Triemli di Zurigo, diversi edifici dell'Inselspital di Berna e il progetto dell'ospedale cantonale di Uri. Oltre a numerose case di riposo e di cura, più di 150 ospedali in Svizzera sono certificati Minergie.

Progetto faro: ospedale cantonale di Münsterlingen Minergie-P  

L’ospedalecantonale Münsterlingen, certificato Minergie-P, è uno dei progetti pionieri. In circa cinque anni è stato costruito un nuovo edificio e sono stati ammodernati gli edifici risalenti agli anni Settanta, senza interruzione delle attività. 

L’ospedale cantonale fu fondato nel 1840 in un convento benedettino. La struttura originale è stata mantenuta ed estesa più volte. Il nuovo edificio "3i" offre ora spazio per dieci sale operatorie, un reparto di terapia intensiva, l’ambulatorio e la centrale di sterilizzazione per il Canton Turgovia. 

Un ospedale efficiente dal punto di vista energetico non è un compito facile

Il dottor Marc Kohler, CEO di Spital Thurgau AG, spiega i motivi della certificazione Minergie-P: «La Spital Thurgau AG deve e vuole assumere un ruolo pionieristico nel Cantone. Ciò vale anche per l'efficienza energetica nei nuovi progetti di costruzione». A causa delle particolari esigenze di un ospedale, però, questo non è stato facile: «Nel Progetto 3i, abbiamo costruito nuovi i reparti di chirurgia e terapia intensiva, la centrale di sterilizzazione e una parte degli studi medici. Nelle aree centrali, vale a dire nei reparti di chirurgia e terapia intensiva, tuttavia, l'uso efficiente dell'energia non è certamente il tema centrale: per i pazienti conta unicamente la qualità e la sicurezza delle cure. A causa del loro utilizzo, questi locali da soli non sono dunque in grado di soddisfare lo standard Minergie-P. È stato possibile raggiungere questa certificazione includendo anche altri reparti (degenza, ecc.)».

L’ospedale Münsterlinger è il primo edificio puramente ospedaliero in Svizzera certificato Minergie-P: l'involucro edilizio del nuovo edificio è isolato con un elevato standard e l’impiantistica è ottimizzata dal profilo energetico. Il riscaldamento avviene interamente
tramite il recupero del calore di processo e il raffreddamento con l’acqua del lago, mentre l’impianto fotovoltaico copre circa il 95% dell'elettricità necessaria per la produzione del calore e per il raffreddamento.

Progetto faro: Bürgerspital di Soletta Minergie-ECO

Una facciata in vetro, l’abbondante luce naturale e solo pochi muri portanti, ma una costruzione di supporto, sono aspetti che trasmettono un’atmosfera piacevole ai pazienti e ai dipendenti del nuovo edificio destinato ai degenti del Bürgerspital di Soletta. C’è inoltre la possibilità di arredamenti flessibili. La costruzione non è ancora terminata, ma i dipendenti non vedono l’ora che lo sia: "E' facile immaginarsi come ci si sentirà a lavorare qui", prevede Urs Studer, responsabile delle infrastrutture del Bürgerspital, in un'intervista rilasciata alla Solothurner Zeitung.

Molta luce naturale per dipendenti e pazienti

Una particolarità è data dalla singolare facciata: grazie a elementi fissi sporgenti, essa darà luce e ombra alle 139 camere dei pazienti, tutte disposte lungo la facciata. La luce del sole, infatti, è un fattore importante per il benessere dei pazienti. 

L'uso ottimale della luce naturale è inoltre anche un requisito della certificazione Minergie-ECO, che è stata scelta consapevolmente. Un altro aspetto importante è che la certificazione Minergie-ECO richiede un edificio facilmente ristrutturabile e smontabile. Questo è un vantaggio per chi edifica ospedali, perché anche per loro le strutture flessibili sono importanti per adattare i locali in modo rapido ed economico alle nuove esigenze, come le nuove tecnologie in campo sanitario o le nuove cure. 

Flessibilità pianificata

Nella struttura di Soletta, le aree per i pazienti, per gli uffici e per l’impiantistica sono chiaramente separate le une dalle altre. “Ciò non solo semplifica i singoli processi, ma consente anche di modificare in futuro l’utilizzo e garantisce interventi di manutenzione economicamente convenienti", spiega alla rivista Gesundheitsmagazin impuls Alfredo Pergola, capoprogetto dell’Ufficio cantonale delle costruzioni. In questo modo si ottiene un rapporto costi-benefici ottimale sull'intero ciclo di vita dell'edificio. 

Il primo ospedale Minergie-ECO

Al Bürgerspital di Soletta, già durante la fase di costruzione, sono rispettate severe direttive sanitarie. Inoltre si riduce la percentuale di energia grigia, ad esempio con l’impiego di calcestruzzo riciclato - un ulteriore requisito di Minergie-ECO. Il nuovo edificio è il primo ospedale in Svizzera a soddisfare i nuovi requisiti Minergie-ECO. Gli inquinanti devono rimanere fuori dalla porta: "C’erano già edifici destinati ai degenti certificati Minergie-ECO, ma le sale adibite agli interventi non potevano essere certificate perché le sostanze volatili non sono consentite in determinate superfici. Tuttavia, dato che stiamo costruendo sia sale dedicate alle cure che camere per i degenti, volevamo certificare entrambe", dice al Baublatt del 9 giugno 2017 Alfredo Pergola, capoprogetto. Grazie a una stretta collaborazione, Minergie e l’Ufficio cantonale delle costruzioni hanno trovato una soluzione.

Non il riscaldamento , ma bensì il raffrescamento è la vera sfida

Nella certificazione Minergie-ECO all'uso dell'energia di processo è attribuita una grande importanza. L'intero edificio è dunque riscaldato con energie rinnovabili. Tuttavia, la vera sfida è stata un’altra: "Era chiaro fin dall'inizio che non sarebbe stato il riscaldamento con pompe di calore il fattore decisivo per i requisiti richiesti, ma piuttosto per il raffrescamento dell'edificio", spiega Pergola nell’articolo del Baublatt citato in precedenza. Il raffrescamento sarà fatto con l'acqua dell'Aare. 

Mete ambiziose per l’Inselspital di Berna che mira a Minergie-P-ECO

L'Inselspital di Berna aggiunge un ulteriore tassello e mira alla certificazione Minergie-P-ECO. Questo gli conferisce lo status di progetto pionieristico. Fino ad ora, nessun altro edificio ospedaliero ha ottenuto uno standard Minergie più elevato. 

Altri ospedali con certificazione Minergie: