Minergie ha più abitanti di Zurigo

Circa 630’000 persone vivono in case Minergie - trattasi della propria casa monofamiliare, di un appartamento in affitto in un edificio plurifamiliare, di un condominio di proprietà o della metà di una casa bifamiliare.

630'000 persone sono molto più della popolazione di Zurigo, che ne conta circa 400'000. Tutti questi abitanti Minergie sostengono l'idea di costruire e vivere a basso consumo energetico, contribuendo così alla sostenibilità.


Scoprire edifici Minergie

Flessibili e sani – Minergie negli ospedali

<?php echo $altTxt; ?>

Gli ospedali sono strutture complesse. Il benessere dei pazienti e i processi ottimali sono la priorità assoluta. In tutto ciò i requisiti Minergie hanno un ruolo? Sì, a dimostrarlo sono gli esempi prestigiosi come il nuovo immobile destinato ai degenti dell'ospedale Triemli di Zurigo, diversi edifici dell'Inselspital di Berna e il progetto dell'ospedale cantonale di Uri. Oltre a numerose case di riposo e di cura, più di 150 ospedali in Svizzera sono certificati Minergie.

Progetto faro: ospedale cantonale di Münsterlingen Minergie-P  

L’ospedalecantonale Münsterlingen, certificato Minergie-P, è uno dei progetti pionieri. In circa cinque anni è stato costruito un nuovo edificio e sono stati ammodernati gli edifici risalenti agli anni Settanta, senza interruzione delle attività. 

L’ospedale cantonale fu fondato nel 1840 in un convento benedettino. La struttura originale è stata mantenuta ed estesa più volte. Il nuovo edificio "3i" offre ora spazio per dieci sale operatorie, un reparto di terapia intensiva, l’ambulatorio e la centrale di sterilizzazione per il Canton Turgovia. 

Un ospedale efficiente dal punto di vista energetico non è un compito facile

Il dottor Marc Kohler, CEO di Spital Thurgau AG, spiega i motivi della certificazione Minergie-P: «La Spital Thurgau AG deve e vuole assumere un ruolo pionieristico nel Cantone. Ciò vale anche per l'efficienza energetica nei nuovi progetti di costruzione». A causa delle particolari esigenze di un ospedale, però, questo non è stato facile: «Nel Progetto 3i, abbiamo costruito nuovi i reparti di chirurgia e terapia intensiva, la centrale di sterilizzazione e una parte degli studi medici. Nelle aree centrali, vale a dire nei reparti di chirurgia e terapia intensiva, tuttavia, l'uso efficiente dell'energia non è certamente il tema centrale: per i pazienti conta unicamente la qualità e la sicurezza delle cure. A causa del loro utilizzo, questi locali da soli non sono dunque in grado di soddisfare lo standard Minergie-P. È stato possibile raggiungere questa certificazione includendo anche altri reparti (degenza, ecc.)».

L’ospedale Münsterlinger è il primo edificio puramente ospedaliero in Svizzera certificato Minergie-P: l'involucro edilizio del nuovo edificio è isolato con un elevato standard e l’impiantistica è ottimizzata dal profilo energetico. Il riscaldamento avviene interamente
tramite il recupero del calore di processo e il raffreddamento con l’acqua del lago, mentre l’impianto fotovoltaico copre circa il 95% dell'elettricità necessaria per la produzione del calore e per il raffreddamento.

Progetto faro: Bürgerspital di Soletta Minergie-ECO

Una facciata in vetro, l’abbondante luce naturale e solo pochi muri portanti, ma una costruzione di supporto, sono aspetti che trasmettono un’atmosfera piacevole ai pazienti e ai dipendenti del nuovo edificio destinato ai degenti del Bürgerspital di Soletta. C’è inoltre la possibilità di arredamenti flessibili. La costruzione non è ancora terminata, ma i dipendenti non vedono l’ora che lo sia: "E' facile immaginarsi come ci si sentirà a lavorare qui", prevede Urs Studer, responsabile delle infrastrutture del Bürgerspital, in un'intervista rilasciata alla Solothurner Zeitung.

Molta luce naturale per dipendenti e pazienti

Una particolarità è data dalla singolare facciata: grazie a elementi fissi sporgenti, essa darà luce e ombra alle 139 camere dei pazienti, tutte disposte lungo la facciata. La luce del sole, infatti, è un fattore importante per il benessere dei pazienti. 

L'uso ottimale della luce naturale è inoltre anche un requisito della certificazione Minergie-ECO, che è stata scelta consapevolmente. Un altro aspetto importante è che la certificazione Minergie-ECO richiede un edificio facilmente ristrutturabile e smontabile. Questo è un vantaggio per chi edifica ospedali, perché anche per loro le strutture flessibili sono importanti per adattare i locali in modo rapido ed economico alle nuove esigenze, come le nuove tecnologie in campo sanitario o le nuove cure. 

Flessibilità pianificata

Nella struttura di Soletta, le aree per i pazienti, per gli uffici e per l’impiantistica sono chiaramente separate le une dalle altre. “Ciò non solo semplifica i singoli processi, ma consente anche di modificare in futuro l’utilizzo e garantisce interventi di manutenzione economicamente convenienti", spiega alla rivista Gesundheitsmagazin impuls Alfredo Pergola, capoprogetto dell’Ufficio cantonale delle costruzioni. In questo modo si ottiene un rapporto costi-benefici ottimale sull'intero ciclo di vita dell'edificio. 

Il primo ospedale Minergie-ECO

Al Bürgerspital di Soletta, già durante la fase di costruzione, sono rispettate severe direttive sanitarie. Inoltre si riduce la percentuale di energia grigia, ad esempio con l’impiego di calcestruzzo riciclato - un ulteriore requisito di Minergie-ECO. Il nuovo edificio è il primo ospedale in Svizzera a soddisfare i nuovi requisiti Minergie-ECO. Gli inquinanti devono rimanere fuori dalla porta: "C’erano già edifici destinati ai degenti certificati Minergie-ECO, ma le sale adibite agli interventi non potevano essere certificate perché le sostanze volatili non sono consentite in determinate superfici. Tuttavia, dato che stiamo costruendo sia sale dedicate alle cure che camere per i degenti, volevamo certificare entrambe", dice al Baublatt del 9 giugno 2017 Alfredo Pergola, capoprogetto. Grazie a una stretta collaborazione, Minergie e l’Ufficio cantonale delle costruzioni hanno trovato una soluzione.

Non il riscaldamento , ma bensì il raffrescamento è la vera sfida

Nella certificazione Minergie-ECO all'uso dell'energia di processo è attribuita una grande importanza. L'intero edificio è dunque riscaldato con energie rinnovabili. Tuttavia, la vera sfida è stata un’altra: "Era chiaro fin dall'inizio che non sarebbe stato il riscaldamento con pompe di calore il fattore decisivo per i requisiti richiesti, ma piuttosto per il raffrescamento dell'edificio", spiega Pergola nell’articolo del Baublatt citato in precedenza. Il raffrescamento sarà fatto con l'acqua dell'Aare. 

Mete ambiziose per l’Inselspital di Berna che mira a Minergie-P-ECO

L'Inselspital di Berna aggiunge un ulteriore tassello e mira alla certificazione Minergie-P-ECO. Questo gli conferisce lo status di progetto pionieristico. Fino ad ora, nessun altro edificio ospedaliero ha ottenuto uno standard Minergie più elevato. 

Altri ospedali con certificazione Minergie:

Pollini

<?php echo $altTxt; ?>

Circa il 20% della popolazione svizzera soffre di raffreddore da fieno – per loro è particoramente importante un clima interno sano.

Ehhhhtschu! Salute!
Così può vivere senza fastidi anche chi soffre di allergie

Secondo il Centro Allergie Svizzera circa 1,2 milioni di persone soffrono di raffreddore da fieno nel nostro Paese. Ciò rappresenta circa il 20% della popolazione. Tutti conosciamo il problema in primavera: durante il giorno attacchi di starnuti e occhi lacrimanti e neppure durante la notte la situazione migliora. Ci sono dunque poche alternative: o si tiene la finestra chiusa e si resta in un locale soffocante oppure, aprendo la finestra e facendo entrare aria fresca, si rischia di mettere a repentaglio il proprio riposo.

L’aria fresca è importante per la nostra salute e per il nostro benessere

Che anche le persone allergiche non vogliano rinunciare all’aria fresca è ovvio. «Il rimedio è una ventilazione interna adeguata», la quale garantisca una costante qualità dell’aria elevata, senza che si debbano per forza aprire le finestre. «L'aria esterna filtrata scorre nello spazio abitativo, mentre l'aria usata e umida viene scaricata all'esterno» spiega Jaroslav Kotwinski, esperto di ventilazione della ditta Zehnder. Ciò significa: nessuna chance per il raffreddore da fieno! «Ad esempio i nostri sistemi di ventilazione meccanica controllata contengono un apposito filtro antipolline. Lo stesso cattura il polline di modo che le persone allergiche possano respirare tranquillamente», spiega Kotwinski.

Anche per chi non soffre di allergie è importante un clima interno sano. «Di base trascorriamo il 90% della nostra vita in spazi chiusi», ci fa riflettere l’esperto di ventilazione. Un clima interno malsano può condurre, anche chi è in buona salute, a malattie respiratorie e disturbi del sonno. «La ventilazione meccanica controllata ha il vantaggio che non richiede il nostro intervento – a patto che sia correttamente programmata, installata, messa in funzione e periodicamente mantenuta. Essa riduce il CO2, le sostanze inquinanti, la polvere, il polline e i composti organici volatili (COV).»

La chiave per un clima interno sano

Per chi soffre di allergie è ovviamente di vitale importanza. La chiave per un clima interno sano viene riassunta così da Jaroslav Kotwinski: «Il segreto risiede in una combinazione tra un impianto di ventilazione efficiente, uno scambiatore entalpico, un filtro per polveri sottili e una distribuzione dell'aria ben concepita». Solo così viene garantito uno scambio d’aria corretto. Questo riduce malattie respiratorie, nonché il rischio di altre patologie. Viene ridotta la formazione di muffa e le sostanze nocive restano perlopiù all’esterno.

Ecco un ulteriore aspetto molto importante e interessante anche per chi non ha particolari allergie: una ventilazione meccanica controllata regola anche una corretta umidità dell’aria e riduce i fastidiosi rumori esterni, visto che la finestra può rimanere chiusa. «Con una buona qualità dell’aria e meno rumori dall’esterno, si dorme meglio, ci si sveglia più riposati e si può affrontare la giornata con maggiore vitalità.», parola di eserto di ventilazione!

Semplice da aggiornare

«Anche le persone allergiche, che già dispongono di un impianto di ventilazione nella loro abitazione, ma non ancora di un filtro antipolline, possono facilmente montarlo e dotarlo dei filtri appropriati», spiega l’esperto di Zehnder.

Affinché il filtro possa funzionare correttamente, occorre un controllo regolare: «Ogni sei mesi i filtri vanno controllati e, se necessario, sostituititi.» Il filtro può essere acquistato online, in negozio da Zehnder o addirittura è possibile stipulare un apposito abbonamento. A intervalli di tempo regolari, va comunque contattato un professionista che controlli l’impianto. 

Informazioni

Attraverso l’apertura manuale delle finestre, gli ospiti indesiderati e le immissioni sgradevoli possono entrare negli spazi abitativi. Con una ventilazione meccanica controllata avrete l’aria fresca, senza dover necessariamente sempre aprire le finestre.

Infatti offre:

  • Protezione contro gli insetti
  • Protezione contro i pollini
  • Protezione contro i rumori esterni
  • Protezione contro i ladri
  • Protezione dal caldo estivo
  • Protezione contro il freddo invernale 

Un clima interno confortevole si è dimostrato particolarmente efface negli edifici Minergie. Zehnder è il leadingpartner die Minergie per la ventilazione.

Maggiori informazioni nel video esplicativo di Zehnder (in tedesco) oppure sul sito https://www.zehnder-systems.ch/it/prodotti-e-sistemi/ventilazione-comfort-per-spazi-abitativi/benefici-e-vantaggi

Intervista finanziamento

Me lo posso permettere?

Questo è probabilmente ciò che la maggior parte delle persone si chiede quando comincia a pensare a una casa propria. L'esperto di finanziamento Martin Loosli sa che i pensieri sono gli stessi, sia che si tratti di una nuova costruzione, che di un immobile esistente. Il finanziamento è un tema di discussione anche in caso di ammodernamento. Martin Loosli è responsabile della gestione delle transazioni monetarie e del bilancio presso la Zürcher Kantonalbank e in un’intervista ci rivela a cosa fare attenzione quando si finanzia la propria casa e quali sono le insidie. 

<?php echo $altTxt; ?>

Martin Loosli lavora presso la Zürcher Kantonalbank da oltre 20 anni e dal 2008 è responsabile della gestione delle transazioni monetarie e del bilancio.

Signor Loosli, ammettiamo che io voglia costruire una casa. Come posso affrontare il finanziamento? Cosa devo fare come prima cosa?

Consigliamo ai futuri proprietari di immobili di fissare un appuntamento con la propria banca prima ancora di iniziare a cercare una casa o addirittura di visitarla. All’inizio è importante chiarire le esigenze e i desideri: vuole una casa o un appartamento? Meglio in città o in campagna? Preferisce una costruzione nuova o un edifico esistente? È inoltre necessario chiarire quanto può costare la casa o quale sia il margine di manovra finanziario di cui dispongono i futuri proprietari per l'acquisto della propria casa.

Di cosa tratta il colloquio iniziale?

Durante la prima consulenza chiariamo con i clienti le esigenze della futura casa propria elencate prima. Inoltre sono affrontati i temi della sostenibilità e dell'efficienza energetica. Alla luce delle attuali discussioni sull'uso sostenibile delle risorse, questo argomento acquisirà sempre più importanza e può anche avere un influsso sullo sviluppo del valore dell'immobile.

Discutiamo poi delle opzioni finanziarie dei clienti per l'acquisto di un’abitazione e mostriamo loro le conseguenze finanziarie sul lungo termine di questa operazione. I clienti dovrebbero potersi sentire sicuri e felici nella propria abitazione. Ciò include anche la conoscenza degli obblighi cui si va incontro acquistando una casa propria.

Quali sono i requisiti necessari per il finanziamento?

Il prezzo d'acquisto massimo di una casa monofamiliare o di un appartamento in proprietà per piani dipende dal capitale proprio e dal reddito disponibile.

Per quanto riguarda il capitale proprio, la formula di finanziamento è 80-20, il che significa che l'80% del prezzo d'acquisto può essere preso in prestito dalla banca sotto forma di ipoteca. Nel caso di un'abitazione ad uso proprio almeno il 20% del prezzo d'acquisto deve invece essere finanziato con fondi propri.

Per quanto riguarda il reddito, analizziamo se i clienti possono permettersi l'immobile sul lungo termine alla luce di tutti i costi sostenuti. Le spese totali per l’abitazione non dovrebbero superare un terzo del reddito. Nel caso di un'abitazione propria, queste spese sono calcolate sulla base degli interessi ipotecari, dell’ammortamento e dei costi accessori e di manutenzione.

Per il calcolo del tasso d'interesse ipotecario non viene preso in considerazione il tasso d'interesse effettivo, bensì un valore di calcolo del 5%, in modo da garantire la sostenibilità del finanziamento anche in caso di un futuro aumento dei tassi d'interesse. Le rate di ammortamento devono essere definite in modo tale che in 15 anni un'ipoteca sia di principio ridotta a due terzi del prezzo di acquisto. Nel calcolo i costi accessori e di manutenzione sono fissati pari a 1% del prezzo d'acquisto.

Poiché ogni nuovo proprietario porta con sé delle premesse diverse, forniamo consulenza ed esaminiamo la situazione individuale di ogni cliente.

Che cosa succede dopo?

Una volta trovata la casa dei propri sogni, è importante dare una base solida al progetto. Supportiamo i nostri clienti nella valutazione del prezzo di acquisto della proprietà, della documentazione di vendita e di altri documenti. Ad esempio, è importante assicurarsi che al momento dell'acquisto di una proprietà per piani, il fondo di rinnovamento (che è costituito dai mezzi finanziari pagati e risparmiati dai condomini per futuri lavori di ristrutturazione su parti dell'immobile ad uso comune, come l'involucro dell'edificio, la scala e l’entrata, le vie d'accesso, ecc.) sia sufficiente.

In una fase successiva, collaboriamo con i nostri clienti per trovare l'opzione di finanziamento ottimale e rispondere alla domanda su quanto e quali fondi propri dovrebbero essere utilizzati al meglio per l'acquisto di una casa. Per farlo illustriamo le opportunità e i rischi delle diverse opzioni, compresi gli effetti fiscali, la protezione dai rischi (ad es. in caso di decesso) e le conseguenze per la situazione previdenziale.

Dopo un esame positivo dell'opzione di finanziamento desiderata, non vi sono più ostacoli all'acquisto di un'abitazione.

Se la nuova casa è un edificio energeticamente efficiente (ad es. una casa Minergie), la Zürcher Kantonalbank si assume i costi della certificazione e con il suo “ZKB Umweltdarlehen (credito ambientale)” concede uno sconto sugli interessi fino allo 0,8%. 

Definizioni

Credito: termine generico per denaro dato in prestito.

Ipoteca: credito vincolato a titolo di garanzia a un terreno o a un immobile.

Finanziamento di costruzione: una particolare tipologia di credito utilizzato principalmente per il finanziamento di una nuova costruzione o di ristrutturazioni di una certa portata con il versamento scaglionato dell’ipoteca.

Credito di costruzione: credito utilizzato in genere per il finanziamento di progetti di costruzione di grandi dimensioni.


Che ruolo gioca la dimensione dell'oggetto?

La dimensione di un'abitazione può essere un criterio importante nella valutazione di un immobile. Gli immobili molto grandi (ad es. oggetti di lusso) o molto piccoli tendono ad attrarre un gruppo limitato di acquirenti. Ciò può rendere difficile la vendita e avere un effetto negativo sul valore in caso di rivendita. Così, la nostra stima può essere inferiore a quella del venditore o di un architetto ed è necessario più capitale proprio per l'acquisto. 

Quali sono le insidie del finanziamento? A cosa dovrebbero prestare attenzione i futuri proprietari di un immobile?

Può succedere che con un immobile di sia un vero e proprio colpo di fulmine. In questo caso è importante non lasciarsi trascinare in un acquisto spontaneo a un prezzo forse eccessivo. L'acquisto di una casa è un investimento molto elevato e a lungo termine: ecco perché il coinvolgimento di un partner finanziario professionale e affidabile, con molti anni di esperienza, è estremamente prezioso.

Su www.zkb.ch/rund-ums-eigenheim troverete ulteriori suggerimenti e trucchi per realizzare il sogno di una casa propria. 

Quali altri «dos and don’ts» ci sono?

Consigliamo ai nostri clienti di non lasciarsi abbagliare dai tassi di interesse ipotecari attualmente molto favorevoli. I costi degli alloggi bassi che ne risultano creano un margine di manovra finanziario che consigliamo di utilizzare anche per l'ammortamento anticipato dell'ipoteca. In questo modo un futuro aumento dei tassi d'interesse non carica eccessivamente il bilancio familiare.

A causa dei bassi tassi d'interesse, molti clienti sono interessati a ipoteche a lungo termine con l'intenzione di beneficiare di tassi d'interesse favorevoli a lungo termine. Tuttavia, il rischio è che un'ipoteca a lungo termine limiti il margine di manovra in caso di vendita dell'immobile. L'acquirente deve così riscattare l'ipoteca in corso oppure possono esservi costi elevati per il rimborso anticipato dell'ipoteca. Le scadenze superiori a 10 anni dovrebbero pertanto essere esaminate con la massima attenzione.

Anche se attualmente è allettante e poco costoso finanziare la propria casa, ad esempio con un’ipoteca fissa di dieci anni, vi consigliamo di scaglionare il finanziamento. Così facendo il cliente non deve rinnovare l’intera ipoteca a un dato momento, ma può estendere il rifinanziamento su più scadenze e quindi anche a tassi d'interesse diversi. In questo modo è possibile ridurre il rischio di un brusco e improvviso aumento dei tassi d'interesse.

Possedere una propria casa solleva altre domande, come ad esempio: Come posso proteggere in modo ottimale dai rischi me, la mia famiglia e la nuova casa? Come integrare i costi della nuova abitazione e quelli di rinnovamento e di manutenzione nella dichiarazione delle imposte e come posso ottimizzare la dichiarazione? Noi consigliamo di riflettere anche su questi quesiti con l’aiuto di un partner esperto. Siamo lieti di consigliare i nostri clienti in modo competente su tutti i temi, come le tasse, le rendite e le successioni.