Esempio pratico: Banca Cantonale di Zurigo ZKB, sede centrale di Zurigo

Raffreddata con acqua proveniente dal lago: la recentemente rinnovata sede centrale della Banca Cantonale di Zurigo

<?php echo $altTxt; ?>

Acqua di lago per il raffreddamento, acqua calda dal locale server. Il tutto combinato con un'e-levata percentuale di materiali ecologici e locali. Onestamente: avreste mai pensato alla sede centrale di una banca? Magari no. Ma proprio così, da agosto 2015, la Banca Cantonale di Zurigo presenta la sua sede completamente ammodernata sulla Bahnhofstrasse di Zurigo


Comfort, versatilità nell’utilizzo e protezione dei beni culturali

Durante la ristrutturazione della sua sede centrale, la Banca Cantonale di Zurigo ha attribuito una grande importanza alla funzionalità, comfort, versatilità nell’utilizzo, sostenibilità e prote-zione dei beni culturali. L’elemento chiave è la nuova e spaziosa hall. Chi vi accede sarà ac-colto e guidato personalmente, a seconda della richiesta, verso lo sportello di uno dei 12 ban-comat o verso uno dei 40 salottini per le consulenze.  


1'000 tonnellate di CO2 in meno all'anno

«Il rinnovo ci ha permesso di migliorare notevolmente la nostra impronta ecologica», spiega Martin Hirni, responsabile immobiliare della Banca Cantonale di Zurigo. La nuova pompa di calore ad acqua di lago ha ridotto le emissioni di CO2 di circa 1'000 tonnellate all'anno rispetto al precedente sistema di riscaldamento a gasolio/gas. Allo stesso modo, l'uso coerente della tecnologia LED ha ridotto significativamente il consumo di energia.

Come mai questo sforzo? «Un aspetto centrale del nostro mandato di prestazione è di favorire lo sviluppo sostenibile nel Canton Zurigo, impegnandoci per la popolazione di Zurigo e la sua economia. Ecco perché ci impegnamo da molti anni a favore della sostenibilità anche nella nostra azienda», afferma Martin Hirni, descrivendo le ragioni alla base dell’ammodernamento secondo lo standard Minergie.

<?php echo $altTxt; ?>

Martin Hirni, responsabile immobiliare della Banca Cantonale di Zurigo



Obiettivi ambiziosi: tutti i nuovi edifici Minergie

L'impronta di CO2della Banca cantonale di Zurigo dimostra che oltre la metà delle emissioni di CO2 è attribuibile all'energia degli edifici – ovvero l’energia del riscaldamento e il consumo di elet-tricità. In questo ambito si posizionano gli obiettivi aziendali della banca a livello ambientale: «Dal 2010, abbiamo già ridotto le nostre emissioni di CO2 di oltre un terzo. Entro il 2022, vogliamo ridurlo di un ulteriore 15% rispetto al 2016», spiega il responsabile del settore immobiliare. Per raggiungere questo obiettivo, la banca ha definito un pacchetto completo di misure. «Ciò include, tra le altre cose, il fatto che dal 2015 stiamo rea-lizzando tutti i nuovi grandi progetti con lo standard Minergie e ne verifichiamo la possibilità di implementazione anche in tutte i nostri ammodernamenti», afferma Martin Hirni.    


Lavoro di squadra verso gli standard Minergie

«Dal 1998 siamo Leading-Partner dell'Associazione Minergie. Ogni anno sviluppiamo insieme i nostri progetti di sostenibilità. Minergie, ad esempio, ha analizzato le nostre direttive interne e i nostri standard impiantistici. Abbiamo ricevuto preziosi suggerimenti per migliorare la soste-nibilità, che ora stiamo implementando. Vogliamo essere aggiornati con le nostre conoscenze in questo settore.»  


Motivare anche i clienti alla costruzione sostenibile

La Banca Cantonale di Zurigo ZKB vuole trasmettere questa convinzione personale di edilizia sostenibile anche ai propri clienti, incentivando quindi i progetti di costruzione sostenibile: le proprietà certificate Minergie danno la possibilità di accedere, con tariffe agevolate, a un’ipoteca specifica legata ai progetti amici dell’ambiente. La Banca Cantonale di Zurigo in-sieme a Minergie, promuove così lo sviluppo eco-compatibile degli immobili nell'area econo-mica di Zurigo.

     

Dati e fatti  

  • Minergie-Nr.: ZH-7423
  • Durata dell’ammodernamento: 4 anni
  • Numero di dipendenti nell'edificio: circa 800
  • La rinnovata sede centrale viene raffreddata e riscaldata da una pompa di calore ad acqua di lago. Pertanto il 70-80% del fabbisogno energetico di raffreddamento può es-sere coperto direttamente dall'acqua di lago (freecooling)
  • Per riscaldare l'acqua calda viene utilizzato anche il calore residuo proveniente dai lo-cali server
  • Illuminazione: esclusivamente con tecnologia LED
  • Fabbisogno di elettricità: 100% elettricità verde della qualità "naturemade star"
  • L'involucro dell'edificio è stato isolato in maniera migliore del 23% rispetto a quanto ri-chiesto dalla legge
  • Dove possibile, vengono utilizzati materiali idonei alla certificazione Minergie-ECO e di provenienza locale